Home

A Piavon di Oderzo in via FrassenŤ esiste uno dei rari casoni della provincia di Treviso, un'abitazione rurale povera,  con molti secoli di storia alle spalle ( 300 o forse 400 anni ).
Chi iniziÚ ad abitare il CasÚn non Ť possibile saperlo. Conosciamo la vita del CasÚn dal 1934 quando vi soggiornÚ la famiglia di Giovanni Bertola con la moglie Maria e i loro tre figli. Nel 1940 vi andÚ ad abitare il signor Angelo Pasqualinotto detto Tati con la moglie Giustina Furlan e la figlia Adriana. Il marito lavorava come bracciante agricolo presso l'azienda agraria della baronessa Lilli Rechsteiner.
Dal 1962 vi  dimorÚ il signor Giuseppe Pasqualinotto con la moglie Vittoria Lorenzon. Nel 1966 muore Giuseppe e cosž il CasÚn rimase  definitivamente disabitato. Nel 1982, mediante una permuta con l'azienda agricola Rechsteiner, il  Comune di Oderzo diventa proprietario del casÚn.
La Storia, quella dei grandi eventi, che si studia sui libri, rimane spesso una conoscenza meramente scolastica. Solo approfondendo la conoscenza dell'ambiente intorno a noi scopriamo i collegamenti fra la Storia, con la S maiuscola, e le vicende del territorio in cui abitiamo; e sono soprattutto gli edifici delle diverse epoche storiche che ci possono aiutare a cogliere tali collegamenti: i castelli, le cittŗ murate, le case.Il Gruppo Amici del CasÚn di Piavon ha aderito alla proposta dell'Amministrazione Comunale di Oderzo di collaborare per la sua ristrutturazione e per l'allestimento al suo interno del Museo etnografico con il "materiale storico dei casoni" donato dai cittadini di Piavon e della zona della Sinistra Piave.
p>

p>